BROZZL Anycubic Bi-Metal Heatbreak

Un semplice upgrade per una stampa più fluida

€ 21,99

(IVA 22% inclusa - spese di spedizione escluse)

Contenuto: 1 pz.

Consegna entro il giorno mercoledì, 29 giugno, se ordini oggi entro le ore 11:00 .

In Magazzino

Spedizione gratuita per Italia da € 47,90.
Informazioni su spedizione e reso

Caratteristiche e proprietà

  • In lega di rame e lega di titanio
  • Rugosità ≤ Ra0,4
  • Superficie estremamente liscia
  • Consente temperature di stampa più elevate
  • Maggiore resistenza all'usura

Art.-Nr.: SCH-4060301, Contenuto: 1 pz., EAN: 9120099289832

Informazioni prodotto & dati tecnici:

Art.-Nr.: SCH-4060301
Art. nr.: 4060301
Marca: BROZZL
Contenuto: 1 pz.
Tipologie di prodotto: Heatbreak
Adatto alle seguenti stampanti 3D: Anycubic i3 Mega S, Anycubic i3 Mega X, Anycubic Vyper, Anycubic Mega Pro

Descrizione del prodotto

Il Bi-Metal Heatbreak di BROZZL è costituito da due componenti con diversa conducibilità termica: lega di rame e lega di titanio. Mentre la lega di titanio riduce la conduzione del calore verso l'alto, il rame accelera la dissipazione del calore verso il basso. Consente di stampare a una temperatura fino a 500 °C e previene efficacemente l'intasamento del percorso del filamento grazie alla sua parete interna liscia.

Caratteristiche principali di BROZZL Bi-Metal Heatbreak

  • In lega di rame e lega di titanio
  • Più resistente all'usura di un heatbreak in acciaio inossidabile
  • Per una stampa più fluida
  • Parete interna molto liscia
  • Riduce l'heatcreep
  • Zona di fusione allargata
  • Fino a 500 °C di temperatura di stampa

Come funziona un heatbreak bimetallico?

L'heatbreak è considerato la parte di collegamento tra l'estremità "calda" e l'estremità "fredda" dell'hotend e viene utilizzato per formare un'area di transizione tra il materiale fuso e il filamento che viene alimentato all'ugello.

Se questa precisa area di transizione viene a mancare, il filamento tende ad ammorbidirsi prematuramente e alla lunga a bloccare il percorso del filamento. Il risultato è il cosiddetto heatcreep.

La maggior parte degli heatbreak sono realizzati in metallo con un tubo in PTFE all'interno. Questo tubo isola termicamente il filamento prima che raggiunga l'ugello. L'heatbreak rivestito in PTFE è adatto per le stampe con il PLA in quanto non richiedono temperature elevate. Tuttavia, un heatbreak interamente in metallo consente di stampare a temperature più elevate senza preoccuparsi dei tubi in PTFE o della formazione di fumi pericolosi.

Un heatbreak bimetallico non solo migliora i problemi fondamentali che ha un hot-end con tubo in PTFE, ma presenta anche vantaggi che un heatbreak in acciaio inossidabile interamente in metallo non può eguagliare.

Domande e risposte su: BROZZL Anycubic Bi-Metal Heatbreak

Ricevi risposte specifiche direttamente dai clienti che hanno valutato questo prodotto.

Recensione prodotti

recensioni in italiano sul prodotto BROZZL Anycubic Bi-Metal Heatbreak

Lo sapevi?

La tecnica più importante per la stampa 3D è la FDM (Fused Deposition Modelling). Un filamento di plastica viene fuso con un ugello caldo e sovrapposto a se stesso.

Prodotti simili

I clienti hanno acquistato anche