Filamenti per Stampanti 3D

IL materiale di stampa per le stampanti Fused Deposition Modeling (FDM)

Tra i materiali più comunemente usati nella stampa 3D vi sono i materiali termoplastici come PLA, PETG e ABS. La scelta di filamenti disponibili in diversi colori, spessori e materiali è vastissima. Scegli il prodotto giusto per la tua applicazione. Puoi scegliere tra filamenti in nylon, policarbonato, carbonio e molti altri ancora.

Categorie:

Filamenti: 1254 prodotti

Filtri

Tutti i prezzi IVA inclusa

Molti esperti vedono da tempo l'idea della stampa 3D come il potenziale per una vera rivoluzione industriale. Prima o poi, secondo le previsioni, ci sarà una stampante 3D in ogni casa. I pezzi di ricambio e gli articoli di uso quotidiano verranno quindi prodotti direttamente sul posto, ovvero a casa. In questo modo, un numero inferiore di merci dovrà essere trasportato su lunghe distanze e si verificherà di conseguenza una riduzione delle emissioni di CO 2 a favore dell'ambiente. La stampa 3D potrebbe svolgere un ruolo cruciale nella lotta ai cambiamenti climatici.

Hai già una stampante 3D a casa? Quindi sei uno dei pionieri a preparare questa rivoluzione industriale della sostenibilità, che presumibilmente subirà un'accelerazione nei prossimi anni.

Nella stampa FDM in plastica, il filamento viene utilizzato come materiale per la modellazione di modelli 3D. Fondamentalmente, i filamenti per la stampa 3D sono fili di plastica avvolti in rotoli. La stampante 3D fonde questi fili con l'aiuto di processi chimici e fisici. Questo funziona perché questi filamenti sono termoplastici. Ciò significa che cambiano il loro stato quando sono esposti al calore, passando da una consistenza solida ad una semi liquida e viscosa. La testina di stampa riscaldata può quindi applicare il filamento liquido strato per strato e utilizzarlo per creare modelli dettagliati. Di conseguenza, il filamento è più simile al materiale da costruzione in calcestruzzo che all'inchiostro, quando viene elaborato.

Il filamento in realtà emerge solo durante il processo di stampa. Questo succede con l'aiuto dell'estrusione. Il materiale termoplastico viene espulso dall'ugello grazie alla pressione e alle alte temperature.

Esistono già molti tipi diversi di filamenti. Tutti i produttori più conosciuti offrono un'ampia gamma di varianti. I filamenti differiscono non solo in termini di colore, ma anche lo spessore e il tipo di plastica possono essere selezionati per ogni esigenza personale. La scelta dei filamenti da utilizzare non è sempre semplice. Di seguito troverai una breve panoramica dei parametri più importanti da considerare.

Diametro

Tutte le comuni stampanti 3D possono utilizzare filamenti con diametro da 1,75 mm o 2,85 mm. Quindi, praticamente, non esistono dimensioni errate, ma è il filamento che deve adattarsi alla stampante. I filamenti con un diametro di 1,75 mm sono più flessibili e sollecitano meno l'estrusore della stampante. Tuttavia, l'elaborazione a un diametro di 2,85 mm è più precisa e offre maggiore presa.

Colori

La domanda se una stampante può creare modelli a colori o meno dipende dalla tecnologia utilizzata. Con la stampante giusta, è possibile utilizzare tre o quattro cartucce di filamento PLA o ABS per creare qualsiasi combinazione di colori.

Tipi di filamento

  • Filamento PLA
    Il PLA è un polimero sintetico. Può essere elaborato da quasi tutte le stampanti 3D. La produzione è composta da materie prime biologiche come ad esempio l'amido di mais, motivo per cui il filamento di PLA è sostenibile ed ecologico. È perfetto per i principianti perché si stampa a basse temperature e non crea quasi nessuna deformazione durante il raffreddamento.
  • Filamento ABS
    Questo filamento è diffuso nella stampa 3D quasi quanto il PLA. L'ABS ha un'alta resilienza. I modelli stampati con esso non sono così fragili e presentano una maggiore resistenza al calore. L'ABS, però, non è così facile da lavorare, perché tende a deformarsi quando si raffredda. Pertanto, è meno adatto per i principianti. Inoltre, per ottenere buoni risultati è necessaria una piastra riscaldata.
  • Filamento PVA
    Si tratta di un filamento solubile in acqua. Viene utilizzato principalmente per la stampa di materiali di supporto. Per le stampanti 3D con un doppio estrusore, questo filamento offre la possibilità di stampare modelli complessi con strutture mobili senza dover successivamente rimuovere manualmente il materiale di supporto.
  • Filamento HIPS
    Questo tipo di filamento ha proprietà simili all'ABS. Tuttavia, è solubile in estratto di limonene, motivo per cui viene anche utilizzato principalmente come materiale per la stampa di strutture di supporto.
  • TPE
    Gli elastomeri termoplastici sono una soluzione molto interessante per le stampanti 3D. Rimangono flessibili anche quando stampati, creando così modelli molto robusti.
  • Laybrick e Laywood
    Questi sono filamenti speciali, costituiti principalmente da arenaria o particelle di legno. Ciò consente di stampare modelli che sono, sia a livello tattile che visivo, diversi dagli altri materiali di stampa. Puoi persino modificare la trama della superficie regolando la temperatura di stampa di conseguenza, creando un'impressione ancora più realistica.
  • Bronzo, rame e ottone
    Questi filamenti consentono la stampa di modelli 3D con superfici metalliche. Questi filamenti hanno un'alta percentuale di particelle metalliche, che conferiscono quindi ai modelli una lucentezza realistica mediante levigatura e lucidatura. I filamenti metallici sono tre volte più pesanti rispetto ai filamenti PLA e conferiscono a ogni modello 3D un valore più elevato. Quindi si aprono nuove possibilità nel design di gioielli o sculture.
  • Resina
    Questo tipo di materiale è utilizzato nelle stampanti 3D stereolitografiche. La resina fotosensibile può essere polimerizzata mediante laser o luce e quindi trasformata in un modello solido. La resina ha il vantaggio di avere diverse proprietà del materiale. Quindi puoi usare la resina giusta per ogni esigenza, che sia super dura o flessibile.